TAmetista di Osilo


Classe Ossidi
Sistema Cristallino Trigonale
Formula chimica SiO2 con Fe
Durezza 7
Densità 2,65
Sfaldatura Assente
Frattura Concoide
Colore Violetto
Lucentezza Vitrea
Fluorescenza Assente

 

 

Breve storia: In Egitto e Asia Minore fin dal 3000 a.C. è stata tra le gemme più utilizzate per la creazione di gioielli e sigilli. Gli antichi greci ritenevano che l’ametista costituisse un ottimo rimedio contro gli effetti dell’alcool, da cui il nome amethistos (che respinge l’unbriachezza), anche se secondo Plinio il suo nome deriverebbe dal colore, molto simile a quello di certi vini.
Viene citata nella Bibbia come una delle 12 pietre sul pettorale di Aronne. Nel Medioevo la gemma, considerata simbolo di pace, umiltà, castità e distacco dal mondo terreno, divenne la pietra di cardinali e vescovi.
Caratteristiche: L'ametista è una varietà di quarzo dal colore viola porpora. E' costituita da biossido di silicio e cristallizza nel sistema trigonale. Spesso la colorazione, dovuta a fenomeni di irraggiamento naturale di cristalli contenenti ferro, è distribuita in zone irregolari o parallele alle facce del cristallo, o addirittura è presente solo all'estremità dei cristalli, che possono essere lunghi fino a 10-15 cm.
Ha durezza 7 della scala di Mohs, non si sfalda e presenta una lucentezza vitrea. Al suo interno si possono trovare inclusioni tipiche come veli liquidi in cavità appiattite.
Tutte le ametiste, se sottoposte a temperature comprese tra i 400 e i 500 °C, diventano stabilmente dei quarzi citrini, ovvero cambiano la loro colorazione dal viola al giallo bruno.
Giacimenti: L'ametista si rinviene essenzialmente all'interno di geodi nelle rocce basaltiche, come nei vastissimi giacimenti del Brasile e dell'Uruguay e dell'India. Tuttavia si può trovare anche in vene e cavità delle pegmaniti, come in Russia e Madagascar. In Italia piccoli cristalli sono stati rinvenuti in Val di Fassa (Trento) e all'Alpe di Siusi (Bolzano), mentre cristalli di notevoli dimensioni sono stati portati alla luce a Traversella (Torino) e in Valle Aurina (Bolzano).

Catalogo >>

Schede >>

 

 

  << Previous • Next >>

Home