Salgemma


Classe Alogenuri
Sistema cristallino Cubico
Formula chimica NaCl
Durezza 2
Densità 2,1-2,2
Sfaldatura Perfetta
Frattura Concoide
Colore Incolore (allocromatica)
Colore della polvere Bianco
Lucentezza Vitrea
Fluorescenza Arancio, verde, rossa

 

Con il termine "salgemma" si indica quel prodotto naturale - estratto dalle miniere, depositatosi per spontanea evaporazione di acque salate od ottenuto per sublimazione da emanazioni vulcaniche - da cui è posibile ricavare il comune sale da cucina, sostanza indispensabile per l'alimentazione umana e animale. Costituito da cloruro di sodio, il sale (che si può ottenere pure da bacini artificiali di evaporazione) ha rappresentato fin dai tempi più antichi un prodotto importantissimo, anche per la sua proprietà di conservari e cibi, tanto da essere usato quale preziosa merce di scambio e persino come moneta; già i romani stabilirono che fosse oggetto di monopolio da parte dello stato. Come simbolo di sapienza veniva impiegato nei riti religiosi; tuttavia simboleggiava anche la sterilità ed è per questo motivo, probabilmente, che in passato si usava cospargere di sale le rovine delle città conquistate, per renderne cioè sterile e infeconda la terra.
Sistema: Cubico
Aspetto: Cristalli cubici, spesso a “tramoggia” e con vertici arrotondati, da incolori a bianchi, gialli, rossi, bruni e anche neri; più raramente a chiazze irregolari azzurre e viola; raggruppamenti di cristalli divergenti, croste e masse microgranulari compatte bianche, opache.
Proprietà fisiche: Tenero, leggerissimo, fragile e perfettamente sfaldabile in cubi; da trasparente a traslucido con lucentezza vitrea; polvere bianca. Puro è molto stabile, ma se contiene impurezze meccaniche di cloruro di calcio o di magnesio diventa deliquescente. Perfettamente solubile in acqua, è un ottimo conduttore del calore e fonde facilmente colorando la fiamma di un vivace colore giallo e decrepitando. Umido al tatto e di un gradevole sapore salato, non amaro come i sali di potassio e di magnesio. E’ un tipico minerale allo cromatico che cambia colore tanto per impurezze chimiche e meccaniche (nero per bitume o sostanze organiche che si scolorano al colore, rosa per alghe finissime, rosso per ematite pulverulenta, giallastro per idrossidi di ferro, ecc…) quanto per esposizione ai raggi ultravioletti (luminescenza), ai raggi X (diviene prima blu poi bruno) o a radioattività naturale (a cui si attribuisce il colore viola abbastanza comune).
Ambiente e formazione: In depositi sedimentari di tipo chimico derivati dall’evaporazione di acque madri, per lo più saline, in mari chiusi e in clima caldo. Precipita dopo la calcite e contemporaneamente al gesso e a solfati di magnesio e di potassio idrati più o meno complessi e a qualche altro cloruro. I depositi di salgemma sono spesso interstratificati con letti argillosi. Data la sua notevole plasticità, il salgemma dei depositi fossili profondi tende a muoversi quasi fluendo verso l’alto a formare dei duomi, sulla sommità dei quali (carapace) si concentrano gesso, anidride e qualche volta zolfo nativo. E’ stabile anche in ambiente metamorfico di basso grado. Si forma per sublimazione diretta da emanazioni vulcaniche.
Località: Grandi miniere di salgemma e di Sali associati si trovano in Germania, Polonia, Spagna, Austria e varie località degli USA. Duomi salini intensamente sfruttati per lo zolfo, si trovano in Louisiana e nel Texas. In Italia vi è una piccola miniera di sale a Lugro (Cosenza); magnifici cristalli provengono dalla Sicilia. Enormi estensioni di sale, di alcune centinaia di metri di potenza, si estendono sul fondo del Mediterraneo, protette da una spessa copertura detritica post-messiniana.
Usi: Indispensabile nell’alimentazione umana e animale; importantissimo nell’industria chimica per la preparazione della soda, dell’acido cloridrico e del sodio metallico e nell’industria conserviera. Utilizzato anche in apparecchi scientifici per parti ottiche conduttrici di radiazioni infrarosse. Ha come sottoprodotti potassio, magnesio, cloro, bromo, iodio, etc…
Sinonimo: Halite.

Catalogo >>

Schede >>

 

<< Previous • NNext >>ext >>

Home