Marcasite


Classe Solfuri
Sistema cristallino Rombico
Formula chimica

FeS2

Durezza 6-6,5
Densità 4,8-4,9
Sfaldatura Difficile
Frattura Irregolare
Colore Giallo ottone
Colore della polvere Grigio-verdastro
Lucentezza Metallica
Fluorescenza Assente

 

Questo nome, di derivazione araba e dall'incerto significato, era già stato attribuito in precedenza anche alla pirite e ad altri minerali. Come definizione dell'attuale specie mineralogica, il termine 'marcasite' è stato invece usato nel 1845 dal mineralogista austriaco Wilhelm von Haidinger, noto per i suoi studi sulle proprietà ottiche dei minerali. La marcasite viene anche chiamata pirite bianca per il colore più pallido rispetto al giallo oro tipico del disolfuro di ferro cubico. Le forme discoidali, piatte e sottili, presenti in certi terreni argillosi del nostro Appennino o degli Stati Uniti, sono dette monete del diavolo o anche dollari. 'Marcasite' o 'marcassite' è inoltre, in bigiotteria, la pirite tagliata e sfaccettata 'a rosetta', impiegata per adornare gioielli di modesto pregio.
Le caratteristiche
La marcasite appartiene alla classe dei solfuri, essendo costituita da disolfuro di ferro. Oltre allo zolfo e al ferro, che sono i componenti fondamentali, questo minerale può contenere tracce di arsenico e di rame. La marcasite ha la stessa composizione chimica della pirite, ma cristallizza nel sistema rombico, non in quello cubico: i due minerali, perciò, sono tra loro dimorfi. I cristalli di marcasite appaiono perlopiù tabulari, ma anche prismatici o piramidali, spesso geminati in forme dette 'a cresta di gallo' perché seghettate. Questo solfuro si trova con frequenza in noduli internamente raggiati, in masse concrezionale o stalattitiche difficilmente distinguibili a occhio nudo dalla pirite e identificabili solo mediante apposite prove chimico-fisiche. La marcasite è opaca, difficilmente sfaldabile, fragile, dura e pesante. Il colore, bianco sulla frattura fresca, passa a un giallo ottone che, a sua volta, tende a diventare iridescente fino a scurirsi sulle superfici da tempo esposte all'aria. La lucentezza del minerale è tipicamente metallica, mentre la polvere ha un colore grigio scuro tendente al verdastro. Bruciata, la marcasite da una fiamma azzurregnola ed emana un penetrante odore di zolfo. Esposta all'aria e all'umidità si altera, molto più rapidamente della pirite, in solfati di ferro che provocano lo sgretolamento del campione. Questo inconveniente può essere evitato spruzzando sopra agli esemplari ben asciutti un po' di lacca trasparente per capelli.
Origine e giacimenti
La marcasite, nonostante sia assai meno comune della pirite, è comunque un minerale diffuso. Si trova, per esempio, in depositi idrotermali di bassa temperatura caratterizzati da ambienti fortemente acidi. È inoltre molto frequente nelle rocce sedimentarie (calcari, scisti bituminosi e carboniosi), nelle quali si è formata sia come precipitato chimico in ambiente povero di ossigeno (ambiente riducente), sia in seguito all'azione combinata di batteri che hanno elaborato il ferro e lo zolfo presenti nelle acque. Quest'ultima origine comporta anche la presenza di tipici noduli dorati di marcasite e pirite, che spiccano sulla matrice scura dei calcari bituminosi o carboniosi di alcune località venete, come Zovencedo, Magre e Lusiana, nel Vicentino.
Spesso associata a pirite, la marcasite forma concrezioni nodulari nelle argille scagliose di alcune località dell'Appennino bolognese (Badia, Monte San Giovanni). In Toscana è reperibile in masse concrezionale presso la sorgente dell'Acqua Santa, a Chianciano Terme, mentre nel Lazio si trova nelle vicinanze di Canale Monterano. All'estero, la marcasite è stata scoperta a Folkestone, Dover e Tavistock, in Gran Bretagna; a Calais, in Francia; a Karlovy Vary, in Cecoslovacchia; a Clausthal, Freiberg e Annaberg-Buchholz, in Germania. Negli Stati Uniti, splendidi campioni provengono da Joplin e da altre località del cosiddetto 'distretto minerario dei Tre Stati', ossia Missouri, Oklahoma e Kansas.

Catalogo >>

Schede >>

 

<< Previous Next >>NNext >>

Home